Constitutio Cordi

Constitutio Cordi: His igitur omnibus ex nostra confectis sententia […] iussimus in secundo eum ex integro conscribi non ex priore compositione, sed ex repetita praelectione, et eum nostri numinis auctoritate nitentem in omnibus iudiciis solum, quantum ad divales constitutiones pertinet, frequentari ex die quarto kalendarum Ianuariarum quarti nostri felicissimi consulatus et Paulini viri clarissimi, nulla alia extra corpus eiusdem codicis constitutione legenda, nisi postea varia rerum natura aliquid novum creaverit, quod nostra sanctione indigeat. Hoc etenim nemini dubium est, quod, si quid in posterum melius inveniatur et ad constitutionem necessario sit redigendum, hoc a nobis et constituatur et in aliam congregationem referatur, quae novellarum nomine constitutionum significetur (a. 534).

Portata a compimento l’opera in conformità alle nostre direttive […] abbiamo ordinato che (il Codice giustinianeo) venga trascritto per intero non già nella prima versione, ma in quella riveduta, e che, a far data dal quarto giorno delle calende di gennaio del felicissimo consolato nostro e del chiarissimo Paolo (ossia dal 29 dicembre 534), questo solo sia utilizzato in tutti i giudizi per ciò che attiene alle costituzioni imperiali. Non sarà, infatti, consentito di valersi di qualsivoglia altra costituzione che non sia inclusa in questo codice, a meno che, in futuro, dalla mutevole delle cose nasca alcunché di nuovo che richieda intervento per essere regolato. Non vi è dubbio, infatti, che, se in futuro si concepiranno norme migliori che richiedano la redazione in forma di costituzione, esse verranno da noi emanate e successivamente raccolte in un’altra compilazione designata con il nome di Novelle costituzioni.

Potrebbero interessarti anche...

Davide Alessandra

Scritto daDavide Alessandra

Laureando in giurisprudenza con una tesi in storia del diritto medievale e moderno dal titolo: Assolutismo illuminato in Sicilia, il progetto riformatore e il problema feudale. Appassionato di storia, di diritto e ricerche archivistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *