Girolamo Savonarola: il governo teocratico e le invettive contro il papato.

Nato a Ferrara nel 1452, indirizzato dalla famiglia verso gli studi di medicina, disubbidendo entra nell’ordine domenicano a Bologna nel 1475, si sta per narrare la storia di fra Girolamo Savonarola.

Giunge a Firenze nel 1482, dove cominciò a tenere una serie di predicazioni tracciando dei parallelismi tra le situazioni descritte nella bibbia e il tempo in cui vivevano, tra tutte spiccava la tesi che la Chiesa dovesse essere rinnovata ma che prima di ciò dovesse essere punita e purificata. Andò via da Firenze nel 1487, recandosi dapprima a Ferrara, poi a Brescia e a Genova, per poi fare ritorno nella città fiorentina nel 1490.

roselliTornato la sua predica si fece più veemente, convinto che la fine dei tempi fosse vicina invitava l’umanità a pentirsi e a purificarsi dal peccato, di giorno in giorno gli attacchi al governo mediceo e al papato si facevano sempre più duri e aspri. Con la cacciata della famiglia Medici s’instaurò a Firenze una repubblica teocratica, potremmo dire, che fece passare la splendida città, simbolo del rinascimento, da fucina culturale mondiale a baluardo della medievalità. Celebri sono i “bruciamenti di vanità” ovvero dei roghi sparsi per la città in cui i fiorentini potevano e dovevano dare alle fiamme, purificandosi, tutto ciò che fosse simbolo di peccato, corruzione e mondanità. Dal 1494, anno della discesa di Carlo VIII in Italia (per saperne di più clicca qui), la sua predica contro il papato del Borgia si fece feroce paragonandolo all’anticristo. Alessandro VI, in un primo momento, tentò di mettere a tacere il monaco, invitandolo dapprima a Roma per spiegare e mostrare le sue abilità profetiche (clicca qui per leggere un’autentica epistola in cui si descrivono tutte le accuse rivolte al Savonarola), ma il Savonarola declinò l’invito; il papa, a detta di alcuni storici, gli offrì persino il copricapo capo cardinalizio, ma neppure queste fece placare la predica del monaco ferrarese. L’unica cosa, che al Borgia restava da fare, era farlo tacere per sempre, onde evitare dissesti al suo papato e alla solidità di Santa Romana Chiesa, per tal ragione fu sottoposto a giudizio. Papa Alessandro, con un breve del 7 novembre 1496, eliminò la Congregazione di San Marco e la carica di vicario generale del Savonarola e un anno più tardi ne sancì la scomunica. A questo punto il Savonarola non era più nulla all’interno della comunità ecclesiastica, ma egli infischiandosene continuò la sua predica in maniera sempre più ardita. La situazione precipitò nel 1498, quando la stessa Signoria fiorentina, per timore di un interdetto che colpisse l’intera città, gli proibì di predicare in pubblico (clicca qui per leggere, degli appunti del Machiavelli sull’esposizione dei pareri di dodici cittadini fiorentini sulle misure da prendersi per calmare le fazioni, e sulla predicazione del Savonarola). Neanche dinanzi a ciò il frate si arrestò, imperterrito proseguì nella sua opera, anzi progettò la creazione di un concilio con l’intento di deporre papa Alessandro VI, questa fu la classica goccia che fece traboccare il vaso. Il frate isolato da tutti umanamente, legalmente e spiritualmente restò solo, fu facile per i suoi nemici condannarlo al rogo, il quale venne acceso il 23 di maggio del 1498 in Piazza della Signoria a Firenze. Gli alti dignitari fiorentini arrivarono al punto di mal tollerare la figura del Savonarola e ciò è riscontrabile in molti documenti archivistici, tra tutti, uno che abbiamo riportato in cui il corpo magistratuale attacca frontalmente e senza giri di parole l’operato del frate “straniero” (clicca qui per leggere il documento completo). Mentre è interessante approfondire la concezione del governo della città di Firenze secondo il Savonarola, per tale ragione riportiamo una serie di trattati scritti dallo stesso monaco (clicca qui per prenderne visione).

Sperando che abbiate apprezzato i contenuti presenti in questo articolo vi invitiamo a commentare, a condividere e ad esprimere ogni dubbio, appunto o approfondimento.

Fonti storiche:

Potrebbero interessarti anche...

Davide Alessandra

Scritto daDavide Alessandra

Laureando in giurisprudenza con una tesi in storia del diritto medievale e moderno dal titolo: Assolutismo illuminato in Sicilia, il progetto riformatore e il problema feudale. Appassionato di storia, di diritto e ricerche archivistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *