Stato e Codici

La storia delle codificazioni moderne si intreccia con quella dello Stato (la formazione dello stato moderno clicca qui)da identificarsi con essa. Le prime codificazioni moderne, le cd. “codificazioni giusnaturalistiche”, rappresentano il parto delle prime manifestazioni dello stato moderno post-rivoluzionario e di esso, come afferma Max Weber, ne sono, con la pubblica amministrazione, uno dei pilastri. Il difficile e talvolta tortuoso cammino che ha condotto la storia Europea allo Stato moderno ha caratterizzato anche la storia delle codificazioni: è nel Cinquecento, in corrispondenza con la fine del Medioevo e la formazione dei primi embrionali modelli di Stati, che la parola codice ritorna, dopo un lunghissimo letargo, a circolare tra i giuristi, e non a caso proprio in Francia laddove il processo di formazione di uno Stato unitario e accentrato risulta molto avanzato. Da allora la tensione verso la codificazione, sorretta ed alimentata dal giusnaturalismo e dal razionalismo, ha rappresentato l’obiettivo principale della politica del diritto degli stati assoluti, poi compiutamente concretizzatosi con la promulgazione del Code Napoléon. E’ chiaro pertanto i codici e le codificazioni, dopo più di un secolo di esaltazione e mitizzazione, abbiano seguito e seguano la sorte dello Stato anche nella fase discendente della sua parabola. Ed infatti a partire già dal secondo dopoguerra ma in maniera più consistente dopo la caduta del “muro” alla crisi dello Stato ha fatto e fa eco la crisi della codificazione come forma unificatrice del diritto. La rapida trasformazione della società in senso più complesso ha determinato oltre al processo di decodificazione – proliferazione di leggi speciali con conseguente perdita di centralità dei codici – fenomeni istituzionali di notevole portata che erodendo le basi tradizionali dello Stato nazionale unitario hanno snaturato la funzione dei codici: in particolare, nel nostro paese, è emersa una forte spinta federalista che ha, per il momento, avuto l’effetto di potenziare in modo consistente la potestà normativa delle regioni. In buona sostanza si assiste ad un fenomeno di progressivo svuotamento dei codici, operante su due piani destinati a diventare complementari: spaziale e settoriale. Lo svuotamento spaziale opera in direzioni diametralmente opposte: da una parte la normativa comunitaria e dall’altra quella federalistaca-regionale. Questa copiosa produzione normativa, dettata dalle nuove esigenze della società, insieme alla legislazione statale, determina la perdita di centralità del codice e la creazione di “macrosistemi” fatti di leggi speciali, che si regolano con principi propri: è per l’appunto il modello della decodificazione descritto già negli anni settanta del secolo scorso da Natalino Irti. La crisi del codice ha proposto con forza tra gli storici e i filosofi del diritto il tema della validità stessa della “forma codice” considerando la sua inadeguatezza a garantire quella certezza del diritto che, in buona sostanza, rappresenta la ragion d’essere delle codificazioni.

Fonti:

  • Francesco Mastroberti, Le codificazioni moderne.

Potrebbero interessarti anche...

Davide Alessandra

Scritto daDavide Alessandra

Laureando in giurisprudenza con una tesi in storia del diritto medievale e moderno dal titolo: Assolutismo illuminato in Sicilia, il progetto riformatore e il problema feudale. Appassionato di storia, di diritto e ricerche archivistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *